Piazza dei Miracoli: conosciamola meglio

Piazza dei Miracoli: conosciamola meglio

Per quanto ogni giorno proviamo a suggerirvi posti e cose nuove da fare a Pisa, è indubbio che il motivo principale che spinge la maggior parte delle persone a visitare la nostra bella città sia Piazza dei Miracoli. Del resto, come dare torto ai viaggiatori: Piazza dei Miracoli e in particolare la sua Torre Pendente hanno una meritata fama mondiale.

In questo post vogliamo approfondire tutto quello che c’è da sapere prima di trovarvi in Piazza dei Miracoli in modo che possiate arrivare a Pisa consapevoli di cosa vi aspetta e organizzare al meglio la visita. Buon viaggio!

Piazza dei Miracoli, inserita dall’UNESCO nella lista dei Patrimoni dell’Umanità nel 1987, è fin dalla sua origine un centro religioso importantissimo in cui sono rappresentate le fasi salienti della vita: il Battistero rappresenta la nascita, il Duomo la vita e il Campo Santo, naturalmente, la morte. Per quanto riguarda la Torre conosciuta in tutto il mondo, questa altro non è che il campanile del Duomo, divenuta celebre per la sua pendenza.

Dovete sapere che l’appellativo Piazza dei Miracoli deriva da “Prato dei Miracoli“, il modo in cui il poeta Gabriele D’Annunzio chiamava la piazza del Duomo di Pisa a causa della straordinaria bellezza dei suoi gioielli architettonici.

Piazza dei Miracoli si trova in posizione piuttosto defilata rispetto al centro cittadino, probabilmente perché già nel Medioevo non era facile trovare tutto quello spazio per immensi monumenti che dovevano testimoniare la potenza della Repubblica Marinara di Pisa. Da dovunque ci si arrivi, il colpo d’occhio sulla piazza è impressionante poiché si è accolti da una distesa enorme di verde su cui si ergono maestose architetture in stile romanico pisano.

Vediamo ora ogni elemento della piazza nello specifico.

Il Duomo

Il Duomo, o Cattedrale di Santa Maria Assunta, fu edificato nel 1064 e rappresentò un’opera talmente maestosa da dare il via a un nuovo stile, il romanico pisano, caratterizzato da una commistione di elementi classici, islamici, lombardi e bizantini, a testimonianza dei contatti politici e commerciali che legavano la Repubblica Marinara di Pisa al Mediterraneo.

Il Duomo, che voleva celebrare la grandezza di Pisa, è una chiesa a cinque navate col transetto a tre, sormontata da una splendida cupola circondata da un loggiato. Leggenda vuole che Galileo Galilei formulò la teoria dell’isocronismo del pendolo proprio in questo punto, vedendo oscillare il lampadario che scendeva dal soffitto.

L’interno del Duomo è ricco di notevoli opere d’arte, tra cui spiccano il pulpito di Giovanni Pisano, considerato uno dei maggiori capolavori dell’arte gotica italiana, il mosaico absidale di Cimabue con San Giovanni Evangelista risalente al 1302 e alcuni rilievi effettuati da allievi del Gianbologna.

Photo by alexey turenkov on Unsplash

Il Battistero di San Giovanni

Il Battistero di San Giovanni sorge davanti alla Cattedrale ed è anch’esso in stile romanico. La monumentale opera – pensate che si tratta del più grande battistero al mondo! – fu iniziata nel 1153 da Diotisalvi e terminata nel XIV secolo con l’aggiunta di elementi gotici. All’interno è dotato di un’eccezionale acustica e il bel pulpito a fianco del presbiterio è opera di Nicola Pisano, padre di Giovanni, che qui rappresentò scene della Vita di Cristo su cinque pannelli.

Foto di Kamil Szerlag da Pexels

Il Camposanto

Il Campo Santo è l’antico cimitero monumentale situato a nord di Piazza dei Miracoli. Si narra che il nome camposanto derivi proprio da qui, perché la struttura è stata edificata intorno a uno spazio centrale scoperto in cui sarebbe stata sparsa della “terra santa” portata dalla Palestina.

Iniziato nel 1277, è circondato da una cinta di marmo e la struttura interna è un chiostro con arcate gotiche. Nel prato al centro del chiostro si conservano numerosi sarcofagi e tombe di origine romana in cui sono seppelliti uomini prestigiosi del passato.

Nel Camposanto monumentale sono racchiuse diverse opere d’arte e affreschi tra cui il famoso “Il Trionfo della Morte” di Buonamico Buffalmacco, che include tra le sue scene una stupenda rappresentazione del Giudizio Universale.

Foto di Bernd Thaller su Flickr

La Torre Pendente

Last but not the least… la Torre Pendente, che come dicevamo in precedenza è il campanile del Duomo che è riconosciuto universalmente come il simbolo di Pisa. La cosa buffa è che la caratteristica che l’ha resa famosa, cioè la pendenza, non è assolutamente voluta ma è dovuta a un cedimento nel terreno.

La sua costruzione, iniziata nel 1173 e bloccata proprio per il cedimento del terreno sabbioso, fu ripresa nel 1275 e compiuta nella seconda metà del Trecento. Quello che ad oggi è uno dei monumenti più visitati e fotografati d’Italia è un monumento molto delicato, che ha subito vari restauri nel corso dei secoli. Si presenta come una struttura cilindrica con un’inclinazione di circa 4 gradi rispetto all’asse verticale e un’altezza di circa 57 metri. All’interno troviamo una scala a spirale con 294 gradini che conducono sulla cima, da cui è possibile ammirare la cella campanaria e uno splendido paesaggio su tutta la piazza e sulla città.

Foto di Piotr Arnoldes da Pexels

Altre curiosità

In Piazza dei Miracoli sono presenti anche due musei: il Museo delle Sinopie, che ospita i grandi disegni preparatori trovati sotto gli affreschi che decorano il Camposanto, e il Museo dell’Opera del Duomo.

Sul lato nord della facciata del Duomo sono presenti dei piccoli buchi neri: la leggenda vuole che siano i segni delle unghie del diavolo, che tentò di arrampicarsi sul Duomo per impedirne la costruzione perché ritenuta troppo bella. Vi consiglio di provare a contare queste “unghiate”: il numero potrebbe cambiare se ci provate più volte e si dice sia per un dispetto del diavolo!

Esistono anche diversi aneddoti legati al mondo accademico, il più diffuso dei quali è il divieto per gli studenti universitari di salire sulla Torre prima della laurea, pena il ritardo nel conseguimento del titolo!

Biglietti

Per visitare i monumenti di Piazza dei Miracoli ci sono diverse combinazioni di biglietti a seconda di quanti monumenti volete visitare. La cosa migliore è consultare il sito ufficiale e prenotare con anticipo.

All’Hotel la Pace, su richiesta, possiamo farvi avere i biglietti in anticipo e farvi risparmiare le file alla biglietteria. Chiedeteci informazioni!

Riferimenti per la Piazza dei Miracoli

Opera della Primaziale Pisana

Piazza Duomo 17, 56126 Pisa

[Immagine di copertina: Chiper Catalin da Pexels]

Prenota ora